Mal di schiena al lavoro: che mestiere fare con sciatica o ernia del disco?

Il mal di schiena al lavoro è un problema complicato da affrontare.
Oltre alla difficoltà fisica che il lavoro stesso può rappresentare, il viaggio verso il lavoro e lo stress che inizia la mattina e finisce… o no, sono fattori aggravanti difficili da gestire.

Sciatica, ernia del disco, malattia degenerativa del disco, lombalgia: l’impatto sul lavoro e sulla vita quotidiana è raramente banale e può rendere la vita estremamente complicata, mettendo anche le persone interessate in uno stato di precarietà.

Quale lavoro si può ancora fare quando si ha sempre mal di schiena?

Per rispondere a questa domanda, si dovrebbe cominciare a identificare le condizioni favorevoli per le persone con mal di schiena al lavoro, e cercare il lavoro che le riunisca il più possibile, evitando le attività che penalizzano le persone con mal di schiena cronico.

Si può lavorare con un’ernia del disco?

Sì, si può lavorare con un’ernia del disco. È un problema che colpisce molte persone in vari gradi e se tutti quelli che hanno un’ernia del disco dovessero essere messi fuori dal lavoro, non ci sarebbero molte persone sul posto di lavoro.

Ciò che conta per l’assicurazione sanitaria sono le conseguenze: nel caso di un’ernia del disco invalidante, di una soglia del dolore anormale, di un handicap, è la medicina del lavoro da una parte e l’attore o, se necessario, un avvocato del lavoro che cercherà una soluzione.

Lo stesso vale per le persone che devono lavorare con la sciatica o la malattia degenerativa del disco.

Mal di schiena al lavoro: le giuste condizioni

Le condizioni di lavoro che sono favorevoli alle persone con problemi alla schiena sono quelle che:

  • Imporre un minimo di stress: lo stress è un fattore scatenante del dolore muscolare
  • Avere orari di lavoro flessibili
  • Permettere di lavorare da casa
  • Limitare gli spostamenti, sia con i mezzi pubblici che in auto: entrambi sono molto restrittivi
  • Non richiedono una significativa attività fisica
  • Non comportano compiti ripetitivi
  • Non richiedono una seduta prolungata, né lavori che implicano posture non raccomandate per persone con problemi alla schiena (meccanico, parrucchiere, infermiere, idraulico, ecc.)

Lavorare da casa

Il telelavoro è una vera benedizione per le persone con problemi alla schiena.
Niente viaggi in macchina, niente viaggi in treno, niente stress da viaggio, niente orari fissi, niente colleghi rumorosi, niente telefoni che suonano in continuazione.

A casa, potete creare un postazione di lavoro, una scrivania regolabile in altezza, si può spesso iniziare quando si vuole, si può La possibilità di lavorare da casa è diventata parte della cultura aziendale e dovrebbe essere uno dei criteri principali nella scelta di un nuovo lavoro, soprattutto se si soffre di dolore cronico.

E a condizione che la natura del lavoro stesso sia adatta, naturalmente.

Tuttavia, attenzione a non cadere nella trappola di non essere fisicamente attivi: in questi tempi di COVID, il telelavoro non è solo per i deboli di cuore, soprattutto per le persone con problemi alla schiena.

NWoW – Il nuovo modo di lavorare

Il New Way of Working è un concetto di ambiente di lavoro che mira a dare priorità al benessere dei lavoratori all’interno della loro azienda.

Il layout degli uffici è stato completamente ripensato e non ha nulla a che vedere con gli open space tradizionali. Vengono forniti spazi di lavoro che si adattano ai diversi compiti, permettendo a un dipendente di isolarsi nella zona tranquilla quando ha bisogno di concentrarsi, o al contrario di essere in una zona progettata per il lavoro di squadra.

Va da sé che le scrivanie e le sedie sono di alta gamma e altamente ergonomiche. Non ci sono scrivanie assegnate, ognuno si siede dove vuole, e gli impiegati che vogliono lavorare in piedi possono sedersi liberamente su una scrivania regolabile in altezza.

Il telelavoro è ovviamente all’ordine del giorno: gli uffici non sono progettati per ospitare tutti i dipendenti dell’azienda allo stesso tempo.

Ho avuto l’opportunità di visitare gli uffici della compagnia assicurativa Axa Belgium quando avevano appena finito il loro progetto NWoW e ti fa davvero venire voglia di candidarti.

Il datore di lavoro fa ogni sforzo per far sentire bene i suoi dipendenti nel loro lavoro: in cambio, i dipendenti lavorano meglio. tutti vincono.

La prossima volta che ti candidi, punta su un’azienda che ha implementato la NWoW o sta per farlo.

Per saperne di più sulla NWoW, leggete l’eccellente articolo di Pierre-Yves Hittelet. NWoW: I 3 pilastri di un nuovo tipo di gestione

Agente immobiliare: una professione piena di vantaggi…

Orari flessibili, viaggi frequenti e idealmente non troppo lunghi, il lavoro dell’agente immobiliare offre la possibilità di stare in movimento per una buona parte della giornata.
Un agente immobiliare può lavorare da casa quando non mostra una proprietà e non è costretto a sedersi a una scrivania per lunghi periodi.

Gli immobili sono un’opzione eccellente per le persone con dolore cronico alla schiena.

Rappresentante di vendita: sì, ma…

Il lavoro di rappresentante commerciale offre alcuni vantaggi paragonabili a quelli di un agente immobiliare, soprattutto in termini di flessibilità degli orari di lavoro. È anche un lavoro in cui ci si sposta, senza un vero sforzo fisico, a parte gli spostamenti in macchina.

Se guidare è troppo impegnativo o troppo rischioso per rimanere bloccati negliingorghi quotidiani, che è uno dei rischi del lavoro, allora l’idea dovrebbe essere abbandonata.

Tuttavia, se il raggio d’azione è di dimensioni ragionevoli e i viaggi in auto non sono troppo lunghi, il lavoro di rappresentante può essere una buona alternativa per le persone con problemi alla schiena.

Scrittura – Traduzione

Anche qui, abbiamo a che fare con una professione in cui si lavora da casa per la maggior parte del tempo.
A parte le riunioni che possono essere tenute via Skype o altri sistemi di teleconferenza, c’è poca ragione di viaggiare per motivi di lavoro e i viaggi possono essere fatti fuori dalle ore di punta per evitare gli ingorghi e lo stress quotidiano.

Blogger -Youtuber: un lavoro da sogno

Perché gli altri lo fanno e noi no? Produrre contenuti e pubblicarli su Internet, finché si trova il filo giusto e ci si mette energia e passione, funziona e ci si può guadagnare da vivere.

Questo non è un privilegio riservato a pochi fortunati o addetti ai lavori. Per coloro che hanno una passione da condividere, che sia attraverso la scrittura, la musica o il video, l’importante è essere appassionati, convincenti e saper raccontare storie.

Google è infestato da articoli che trattano argomenti interessanti, ma scritti male e risalenti a diversi anni fa: è ora di riscrivere tutto questo, senza pensare di voler essere in cima alla pagina ma pensando di essere convincendo, condividendo le vostre passioni, contagiando le persone che vi trovano con il vostro entusiasmo e funzionerà.

Otterrete traffico e se otterrete traffico, otterrete reddito. Incontrerete persone che vi cambieranno la vita. I tuoi problemi alla schiena saranno sempre lì, ma almeno ti avranno servito bene in un lavoro eccitante con pochi vincoli.

Lavorare in una ASBL.

In una ONP, abbiamo spesso a che fare con persone che mostrano più empatia che in un’azienda, dove è ancora molto spesso la nozione di prestazione a prevalere.

In un’azienda devi essere bravo, devi essere alto, devi essere bello, devi essere forte e anche se i tuoi colleghi sono gentili e comprensivi con te, sei tu quello che non va bene 

Il mal di schiena cronico è un evento quotidiano e non ci si può ragionevolmente aspettare che gli altri capiscano com’è se non l’hanno mai provato.

Nelle ONP è diverso. I livelli di stress sono molto più bassi e la nozione di prestazione non è così opprimente come sul posto di lavoro.
Siamo in una situazione in cui il rischio di sentirsi sminuiti o addirittura considerati un peso da alcuni è improbabile, e se si ha la fortuna di ottenere un lavoro in un settore interessante in cui c’è unmodo per sentirsi utile alla causa e per crescere, lavorare in un’organizzazione non-profit o di beneficenza è un’ottima opzione.

Coaching

Il coaching è ancora una professione che non richiede orari fissi, viaggi nelle ore di punta, sedute prolungate o attività fisica faticosa.

Per diventare un allenatore, è necessaria una formazione e poi si può praticare la nuova professione insegnando agli altri ciò che si è imparato da soli.

Sia nella nostra carriera professionale che nella nostra vita privata, se abbiamo attraversato momenti difficili e siamo sopravvissuti, spesso abbiamo più da insegnare agli altri di quanto pensiamo.

Altri hanno gli stessi problemi, stanno attraversando le nostre stesse difficoltà e alcuni non sanno come cavarsela e sono in difficoltà.
Il coaching è una vera e propria professione che ti permette di sviluppare te stesso essendo utile agli altri.
Se hai un po’ di esperienza, il coaching è una grande professione in sé, ma anche un ottimo modo per conciliare l’attività professionale e il mal di schiena cronico.

Per concludere…

Questa lista di occupazioni che sono più adatte di altre per le persone con mal di schiena al lavoro non è probabilmente esaustiva, e se sei in una di queste occupazioni o in un’occupazione che non è su questa lista ma ti permette di guadagnarti da vivere senza troppa fatica, condividi la tua storia nei commenti in fondo alla pagina.

La linea di fondo è che mal di schiena al lavoro o no, bisogna lavorare. Paga l’affitto, paga le bollette, riempie il frigorifero ed evita una doppia punizione diessere fisicamente menomato e sentirsi un peso per la società o per la propria famiglia, perché questo è un sentimento molto difficile da vivere, e porta direttamente alla depressione.

E poi per uscirne…